Banca del Tempo di Valmadrera                                     WhatsApp TESTATAROSSA600                                           Lacomunitàcresceconiltempo

Opportunità dal territorio

Virtuale è virtuoso? La solidarietà online: punti di forza e criticità

Riceviamo da Solevol l'invito per partecipare a questo interessante seminario e ve lo giriamo volentieri.

Virtuale è virtuoso? La solidarietà online: punti di forza e criticità

So.Le.Vol. propone per sabato 24 ottobre il seminario di formazione per volontari dal titolo Virtuale è virtuoso? La solidarietà online: punti di forza e criticità.

Dalle ore 9.30 alle 16.00 a Lecco, presso la sede di sede So.Le.Vol. in C.so Carlo Alberto 37/A, si affronteranno, insieme ad esperti dell’Agenzia Tramite R.P. & Comunicazione, i seguenti contenuti:

1. on-line e off-line: due universi?

2. la gestione dell’identità dell’associazione sui canali virtuali

3. strumenti e opportunità

4. timing gestionali

5. la gestione delle criticità di reputazione

Nello specifico:

Ore 9.30 – 12.30 Lezione frontale

Pausa pranzo a buffet a cura di So.Le.Vol.

Ore 14.00 -15.00 Analisi Case History

Ore 15.00 - 16.00 Simulazioni pratiche

Le iscrizioni si raccolgono entro mercoledì 21 ottobre 2015  Per iscriversi compilare il modulo online seguendo il collegamento all'interno del volantino allegato. 

La partecipazione è gratuita.

Vi aspettiamo numerosi!

Lo staff di So.Le.Vol.

 

Stampa Email

Siamo invitati al Mercato agricolo di Valmadrera per la giornata mondiale dell'alimentazione

Riceviamo dagli amici del Consorzio Agricolo e Agrituristico Lecchese Terrealte (gestori del mercato agricolo di Valmadrera) e vi inoltriamo queste loro belle iniziative riguardanti il nostro territorio e la riscoperta delle sue tipicità.

Cari amici di Terrealte,
ogni anno la FAO celebra il 16 ottobre la giornata mondiale dell'alimentazione per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla fame nel mondo e per stimolare l'attenzione per la produzione alimentare agricola. Quest'anno il tema della Giornata è l'agricoltura familiare e Terrealte propone una due giorni di attività presso il Mercato agricolo di Valmadrera.
Qui sotto vi proponiamo il programma dell'iniziativa e la locandina dell'aperi-cena con gli agricoltori, realizzata in collaborazione con il CFP Aldo Moro.

Vi aspettiamo!!!

 

Stampa Email

Il segreto dell'orto botanico di Valmadrera

La Biblioteca di Valmadrera ci invita all'orto botanico.

Care amiche e cari amici,

Con la presente desidero invitarvi a partecipare ad un’interessante iniziativa, dedicata ai ragazzi e non solo, che si terrà a Valmadrera il 10 ottobre 2015 alle ore 10.00 presso il Centro Culturale Fatebenefratelli.

Nell’ambito della rassegna Immagimondo, la Biblioteca di Valmadrera e Teka Edizioni con la collaborazione dell’associazione L’Arcolab organizzano infatti una giornata dedicata all’Orto Botanico del Centro Culturale Fatebenefratelli.

Nella prima parte dell’incontro, presso la Sala Auditorium, avrà luogo la presentazione multimediale del libro “Il segreto dell’orto botanico”, con un breve approfondimento sulla storia del Fatebenefratelli e del suo Orto. Nella seconda parte seguiranno una serie di giochi, quiz e attività con i ragazzi; in conclusione i partecipanti riceveranno un piccolo ricordo della giornata e una dolce sorpresa.

Per informazioni e prenotazioni, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., tel. 0341-583266

Sicura di incontrarvi numerosi, vi porgo un caloroso saluto

L’Assessore alla Cultura di Valmadrera

Raffaella Brioni

 

 

Stampa Email

Un invito speciale da Liberi Sogni

Gli amici della Coperativa Liberi Sogni organizzano diverse iniziative creative molto vicine al nostro modo di essere, oltre a una gita a Lucca Comics. Chi vuole partecipare? Qui sotto di cosa si tratta.

DOMENICA 1 NOVEMBRE
TUTTI AL LUCCA COMICS AND GAMES 2015
E tu, ci sarai?

L'unico bus della provincia di Lecco da Calolziocorte!!!

Prenotati entro il 30.09.15 per usufruire di speciali sconti*
Tutti i dettagli a questo link

Per info e iscrizioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / 334 7368295

*Inventa anche tu un modo per pagarti il biglietto: imbianca la cucina di tua mamma, dai ripetizione di inglese, vendi un paio di scarpe che non usi più... oppure partecipa alla FIERA DI CARENNO (LC) DOMENICA 4 OTTOBRE: porta libri, cd, fumetti e tutto ciò che non usi più, li venderemo a offerta libera. Il ricavato andrà a formare un fondo cassa comune che permetterà, a coloro che hanno partecipato, di usufruire di uno sconto. Per partecipare chiama entro il 02.10.15

E AL PARCO LUDICO E' IN PARTENZA IL CORSO DI FUMETTO!!!
Tutti i giovedì dal 15 ottobre fino a dicembre presso il Parco Ludico di Galbiate (Via Bergamo 1 ): 6 incontri pomeridiani con l'artista Elena Mistrello! Disegno, anatomia e studio dei personaggi, disegno a matita e con la china. Iscriviti entro il 9 ottobre. Tutti i dettagli a questo link.

 

Stampa Email

Cosa ci importa della povertà

Riprendiamo un articolo dal blog di Flavio Passerini (http://flaviopasserini.jimdo.com/bloggo-per-discutere-volo-libero/ )e ve lo giriamo.

Il 15 luglio di quest'anno è stato pubblicato il rapporto ISTAT sulla povertà in Italia nel 2014 che trovate sul sito della BdT nella nostra sezione “Liberamente” all'interno della documentazione (cliccate qui) oppure su questo sito nei documenti da scaricare (Clicca qui)

Voglio proporre a voi che leggete questo sito una riflessione personale sui dati che è possibile ritrovare nel documento. Ritengo che certi dati che troverete nel documento possano interessare molto anche noi bancari del tempo, costruttori di comunità coese e sicure.

Partiamo da un dato confortante, forse.

La povertà in Italia non aumenta, ma, invece, a volte diminuisce o comunque rimane generalmente  stabile. In termini di povertà assoluta abbiamo una riduzione della povertà nelle famiglie con figli e delle famiglie con “a capo” una persona tra i 45 e i 54 anni di età. In termini di povertà relativa, invece i miglioramenti si hanno nelle famiglie dei piccoli comuni del sud e nelle famiglie in cui il capofamiglia cerca lavoro. Peggiorano leggermente, invece, i residenti nelle grandi città.

Un dato interessante, ma negativo, indica che in termini di povertà relativa le famiglie con 2 figli minori sono sempre più in difficoltà (prospetto 13), mentre quelle con anziani stanno relativamente nello stesso modo del 2013 o migliorano, nel caso della povertà assoluta, un pochino (prospetti 3 e 13). Le famiglie in cui vi sia un genitore o entrambe i genitori stranieri, invece, stanno mediamente molto peggio di quelle senza straniero alcuno, anche in relazione all'anno precedente (prospetti 6 e 17).

Perché questa analisi interessa le Banche del Tempo e la nostra in particolare?

L'interesse è particolarmente evidente se si leggono i dati riguardanti l'età, la tipologia dei nostri soci e il genere di scambi più in auge nelle nostre sezioni, per cui partiamo dal perché interessa la BdT Valmadrera.

Storicamente siamo nati come associazione che intendeva rispondere ai bisogni delle famiglie e delle persone che, ancora in età lavorativa e con figli in casa, faticano a sopravvivere alle difficoltà quotidiane, più semplicemente le famiglie dei quarantenni o quasi. I fondatori e i primi soci, infatti, immaginavano che gli scambi più frequenti sarebbero stati gli accompagnamenti e l'aiuto nei compiti. Sin dalle prime iscrizioni, però, sono iniziati ad arrivare soci/e pensionate o di età superiore a quella delle famiglie che pensavamo di coinvolgere, con bisogni diversi da quelli immaginati.

Abbiamo fatto il primo corso di computer, il primo torneo di carte e abbiamo immaginato una prima gita (non andata in porto per basso numero di iscrizioni). Nel contempo iniziavamo/continuavamo a scambiare in ripetizioni, dolci, accompagnamenti, bricolage e qualche rammendo. Nella relazione presentata nel 2012 si inizia a vedere che il maggior numero di ore è stato scambiato nel corso di informatica, pur rimanendo le altre tipologie di scambio sempre ai primissimi posti e vedendo, inoltre, un incremento importante delle ore scambiate a seguito di un aumento dei soci e di una maggior comprensione del nostro lavoro. Per i dati sugli scambi potete leggere le nostre relazioni annuali cliccando qui.

Negli anni i soci anziani sono sempre più affluiti nella nostra associazione, e le famiglie, pur continuando a iscriversi in modo importante e copioso, risultano avere un turn-over maggiore, come se non riuscissimo a intercettare in modo costante i loro bisogni. La partecipazione alle gite e alle attività di socializzazione più svariate evidenzia, assieme alle ore scambiate per attività pratiche a favore di altri, una grande attività dei nostri soci più avanti con l'età. Se leggiamo i dati ISTAT sulla povertà, ricordiamo il dato generalmente noto che l'età anagrafica è in aumento e così anche le famiglie che hanno un anziano in casa, mi sembra evidente la ricchezza della nostra associazione in termini di aggregazione e di forza solidale. Credo, quindi che il lavoro che noi dovremo provare a svolgere da adesso in avanti sia di continuo coinvolgimento delle persone con età da pensione, ma anche di creazione di attività per famiglie e soprattutto di coinvolgimento nella richiesta da parte di queste ultime. Rimane, nelle persone più giovani, una tendenza a non chiedere perché “mi scoccia pesare su qualcuno, non so esattamente cosa chiedere e faccio prima da solo/a ...”. In particolare poi dobbiamo guardare ai bisogni delle famiglie in difficoltà economica, con e senza stranieri al loro interno. L'intenzione ritengo debba essere quella di coinvolgere le famiglie per avvicinarle agli anziani della nostra associazione e portarle ad avere “un nonno/a di riferimento”, anche se non ha relazioni di parentela. L'ISTAT guarda i consumi e quindi possiamo immaginare facilmente che il sostegno registrato da parte degli anziani sia molto legato alla presenza di una pensione o comunque di soldi che possono aiutare a coprire le spese dell'intera famiglia, ma se noi aggiungiamo alla gratuità dei nostri servizi la relazione e il ben-essere che portiamo non potremo che raggiungere risultati ragguardevoli.

In termini generali, al di fuori di Valmadrera, credo poi che il tentativo delle BdT di capitalizzare la frequentemente elevata età media dei soci sia un obbligo. Dobbiamo cercare di coinvolgere le fasce di persone più in difficoltà immaginando attività in cui le nostre socie e i nostri soci possano essere utili alle famiglie, coinvolgendole in una rete virtuosa per le comunità. Servizi come il piedibus, i compiti o gli accompagnamenti potrebbero coinvolgere queste categorie di persone, soprattutto se sapremo entrare in forte collaborazione con le amministrazioni locali e le parrocchie, sulle quali normalmente questi servizi competono. Siamo, noi BdT, associazioni a forte impatto economico per le amministrazioni locali, che attraverso di noi possono riuscire a soddisfare bisogni della comunità risparmiando. Le BdT, poi, sono associazioni a grande impatto relazionale che, come dimostrano le iniziative di socializzazione come le gite culturali, le camminate e le biciclettate che molte della nostre realtà propongono con successo costante, svolgono un ruolo, ormai non più ricoperto da nessuno da molti anni, di rete e facilitatori della relazione dove queste tendono a sfaldarsi.

Una lettura interessante davvero, per noi che vogliamo costruire comunità coese e  con diffuso ben-essere.

 

Stampa Email

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.